Archivi tag: Camilla Carniello

Il segreto della Foresta di Mezzo di Camilla Carniello – Primo Livello Adulti. Corso di Scrittura Online

banner2016-corsi
Il segreto della Foresta di Mezzo
Camilla Carniello

Corso di Scrittura Online – Primo Livello Adulti


Vi narro, Signori, di un assai antico tempo,
di quando ancora non vi era l’uomo mortale.
Quattro i Grandi che vinsero la lotta fatale
E che di una nuova era diedero l’avvento.

In quattro avevano creato molte e diverse creature,
come figli a cui un giorno dare il comando,
ma crebbero esse di volta in volta mutando
e tristemente divennero infine anime oscure.

In una guerra crudele, come il figlio uccide il genitore,
la creature con odio e avidità sempre crescente,
distrussero tutto con il frutto del loro odio furente.
Fu così reso il mondo di testimonianza il portatore.

Si elevarono i Grandi Quattro, Signori di Vita e di Morte,
contro i figli ripudiati, assassini senza cuore,
instaurando una guerra di paura e terrore
e chiudendo per sempre del perdono le porte.

La lotta di Isil, Dea della Luna, si poté vedere,
al fianco di Murne, del Sonno il Signore,
e con l’aiuto di Anor, del Sole il fautore,
ed infine Calif, che del Risevglio ha il potere.

Isil e Murne, di equilibrio e giustizia i guerrieri,
placarono di Anor e Calif le ire molto più accese
e trovarono un accordo a di tutti le pretese:
i figli avrebbero relegato a grado di prigionieri.

Ma soli e distrutti dalle memorie della guerra,
I Grandi Quattro vagavano senza pace sulla terra.
Un giorno si riunirono ancora e vollero riprovare
a dare nuova speranza per poter ancora amare.
Tra le braccia di questa terra, ormai sopita,
sui quattro elementi soffiarono e ci diedero vita.

Dalla ballata
“Genesi dell’Era Umana”,
canto primo, quinta decade della II Era.

Capitolo Primo

Il vento sussurrava piano, quella notte d’estate, e le verdi chiome degli alberi accoglievano quel dolce solletico con un velato piacere. Le stelle lampeggiavano silenziose, tenendo per sé i propri segreti e il mondo stava lentamente cadendo in un sonno ben meritato, cullato dal mezzo sorriso romantico che la luna offriva. Tutto appariva tranquillo come negli arazzi più belli, quelli che raffigurano fate turchine e principesse del Nord occupate a rimirare l’orizzonte e circondate da una natura idilliaca.
Già immaginava la morbidezza del cuscino sotto la guancia Padre Solio dell’antica famiglia dei Casales, Sacerdote Inferiore dell’Ordine dell’Ovest e protettore del tempio dell’Ordine nella città di Almena. Quella mattina i suoi compiti l’avevano svegliato all’alba e l’immenso amore che nutriva per i suoi fedeli l’aveva fatto girare per tutta la periferia per la solita spartizione di benedizioni e consigli. Era stremato e il giorno seguente non sarebbe di certo stato più clemente con i suoi reumatismi; per questo diede in fretta un’ultima spolverata all’altare che solo lui poteva toccare, chiuse le finestre e si accinse a spegnere le innumerevoli candele sparse per tutta la navata del tempio. Era arrivato al lato destro e gliene mancavano ancora una mezza dozzina quando sentì tre fievoli colpi battere impazienti sul portone di legno massiccio.
Si chiese chi mai potesse essere a quell’ora tarda quando un brivido freddo e improvviso frustò la sua schiena stanca.
No, non poteva essere. Non così presto. Erano passate meno di due settimane dall’ultima volta, era troppo presto. Continue reading

Nascerò angioletto di Camilla Carniello + intervista all’autrice!

Nascerò angioletto di Camilla CarnielloNascerò angioletto
Camilla Carniello

________________________________________
ilmiolibro.it | Prezzo € 10,50 | 168 pagine
Narrativa | 1a edizione 12/2013

leggi il primo capitolo GRATIS
il sito internet dell’autrice www.camillacarniello.it
_________________________________________

Marianna è giovane e solare. Tutto sembra essere perfetto fino al giorno in cui si rende conto di essere incinta. Sedici anni e una vita che le cresce dentro. Le sue giornate si trasformano così in una sfida per andare avanti, per farsi forza da sola e lottare per le proprie decisioni tra una madre che non vuole accettare questa Grande Situazione, un ragazzo troppo sfuggente, una vicina di casa che sembra pazza e il suo furetto curioso. Ma la gravidanza non sarà l’unica novità per Marianna…

INTERVISTA ALL’AUTRICE

Chi è Camilla Carniello?

Camilla ha vent’anni e per ora è una studentessa di arte e teatro a Venezia. Ha iniziato a scrivere da giovanissima, proprio grazie alla creatività suscitata in lei dalla fantasia di Moony Witcher. La scrittura le ha aperto fin da subito le porte di un mondo meraviglioso che non ha più abbandonato. Nascerò Angioletto è il suo primo libro, ma in serbo ha molti altri progetti che non vede l’ora di mettere in atto. I suoi scritti spaziano in vari generi, dal romanzo per giovani adolescenti, sia fantasy che non, fino a racconti brevi, riflessivi o ironici. Ha partecipato a molti concorsi di scrittura; alcuni li ha vinti, altri no e li porta tutti nel bagaglio di esperienze necessario per sviluppare sempre nuove idee.

Com’è nata la storia per questo romanzo?

Nascerò angioletto era in origine un racconto breve, formato solo dal primo capitolo del testo. Camilla l’ha scritto per il concorso di scrittura per giovani scrittori, organizzato nell’ambito del Fantasio Festival di Perugia voluto da Moony Witcher. Incoraggiata dalla vincita di tale competizione e dalle parole dei giudici e di Moony Witcher ha continuato la storia fino a farne nascere un libro che vede finalmente la luce ora.
Tutto è partito dal grande polverone suscitato dalla discussione sull’aborto: legalizzarlo o no? Ma la riflessione non si ferma solo a quello. Camilla si è immedesimata in Marianna, una giovane mamma, confusa e presa alla sprovvista; attraverso la protagonista Camilla ha dato voce ai suoi pensieri e alle sue riflessioni, prendendo in considerazione varie ipotesi. Che scelta ha fatto infine Marianna? Basta cominciare a leggere!

Com’è stata la tua esperienza di scrittrice? Hai qualche consiglio?

I primi passi nel mondo dell’editoria sono i più difficili, addirittura avvilenti. Purtroppo non ci sono molti editori disposti ad incoraggiare scrittori alle prime armi o poco conosciuti e per questo ci si trova a fare i conti con rifiuti continui e gentili (quanto snervanti) lettere di diniego da parte delle grandi case editrici. Camilla scrisse Nascerò angioletto a sedici anni. Ne sono dovuti passare altri quattro prima che riuscisse a far arrivare il suo libro alle mani dei lettori, ma la soddisfazione e la gioia di vedere le proprie parole finalmente pubblicate sono indescrivibili! Non arrendetevi, la battaglia è dura, ma ne vale la pena. Ogni scrittore è un tesoro prezioso per la cultura, per il lettore e per il mondo della fantasia. Non datevi mai per vinti e perseguite il vostro scopo con tanta forza di volontà. La perseveranza premia!

Hai altri progetti in mente?

Assolutamente sì! Camilla, per quanto stia muovendo i primi passi nel mondo della letteratura è ben decisa a percorrerci un lunghissimo cammino. Ha in serbo molti altri progetti, sia narrativi che teatrali (anche la scrittura per la scena la affascina molto, infatti) ed è pronta a continuare la sua lotta per vederli nascere e crescere poi grazie ai lettori!